Passa ai contenuti principali

Confusione di Elizabeth Jane Howard

Eccoci finalmente. Purtroppo questi mesi sono stata lontano dal mio blog. 
Torno con un libro che avrei dovuto recensire tempo fa ma che per motivazioni varie ho un po' tardato a finire: Confusione di Elizabeth Jane Howard, il terzo volume della saga dei Cazalet, che sta incantando lettori di tutte le età.
Riprendiamo il filo del racconto negli anni centrali della Seconda Guerra mondiale. Tutta la famiglia Cazalet cerca come può di far fronte alla nuova normalità che il conflitto ha creato. Polly e Clary fanno i conti con il loro ingresso nell'età adulta e i desideri per il loro avvenire; Hugh deve affrontare la sua vita senza Sibyl e Edward si trova tra le mani una novità inaspettata: Diana è incinta. La guerra stabilisce nuovi equilibri e nuove priorità, creando un presente precario in cui è difficile immaginare il futuro. In questo scenario dove tutti cercano di barcamenarsi alcuni personaggi si stagliano dallo sfondo: Clary, Louise, Archie e Zoe.

Con il solito modo di narrare, l'autrice alterna una narrazione corale in cui il narratore, quasi come in un campo lungo cinematografico, dall'alto riprende vari pensieri e le azioni della famiglia soffermandosi un poco per volta su tutti i personaggi, a momenti in cui la narrazione è focalizzata su un personaggio solo, in questo modo si ha modo di approfondire la psicologia di alcuni personaggi, rispetto all'intreccio degli eventi.

In particolar modo in questo episodio della storia, Louise diventa uno dei protagonisti indiscussi. L'avevamo lasciata nel precedente libro alle prese con le sue velleità da attrice. In Confusione Louise lascia i panni della ragazza di buona famiglia con una vita da costruire e poche idee chiare, per vestire quelli della moglie di un'ufficiale della marina, Micheal. Il personaggio dovrà presto fare i conti con una vita che non è per niente come se l'aspettava, con la difficoltà dell'imparare a scegliere per stessa e non farsi trascinare dagli eventi, cosa che la porterà a soffrire moltissimo e a diventare una persona molto lontana da quella che i lettori conoscono...

Clary in questa parte della storia della incede a tentoni verso un futuro dai contorni incerti: andrà a vivere da sola con la sua migliore amica, Polly, troverà il primo lavoro come segretaria in un'agenzia letteraria, cercherà di trovare delle risposte al suo dolore per la scomparsa del padre. Ho smepre pensato che questo personaggio abbia un'ironia fantastica, un modo di vedere la vita così disincantato e al tempo stesso pieno di magia, così diversa dalla sua amica Polly, che mi ha conquistato subito. Tanti sono i dubbi che la tormentano, su di sè, sul proprio futuro, sul padre e sui sentimenti che prova per una persona diventata improvvisamente così importante nella sua vita, ma come sempre riuscirà a trovare una risposta.

Zoe è l'altro personaggio che adoro, quello che forse ha avuto il cambiamento più significativo all'interno della storia. La vita le ha insegnato piuttosto duramente in cosa si può incappare per colpa dell'eccessiva vanità e dopo quel tragico errore che ha segnato la sua vita, la sua intera esistenza cambia. Zoe diventa un'altra donna, prima al fianco di Rupert e poi dopo la sua scomparsa, con la figlia Juliet e Clary, con la famiglia che l'ha accolta a braccia aperte e nei compiti che cerca di ritagliarsi. Nel dedicarsi agli altri, Zoe impara a riconoscere i suoi sbagli commessi in passato e ne fa tesoro. Proprio per questo quando sul treno di ritorno da Londra incontra Jack, uno sconosciuto ma affascinante ufficiale americano, le sue sicurezze sembrano vacillare ancora una volta. Ma la vita, dopo averla castigata duramente, le regalerà la dolcezza di un amore tenero e gentile, anche se segnato dall'ombra lunga dell'olocausto.

Archie, amico di Rupert comparso nel secondo libro della saga, diventa ben presto un punto di riferimento per tutta la famiglia Cazalet e avrà un ruolo fondamentale nella vita di quasi tutti i personaggi, diventando confidente, amico, padre e fratello. Custodirà i segreti di tutti e asciugherà le lacrime di alcuni senza mai giudicare. Il ruolo di Archie nella storia è quello di collettore tra le varie storie di tutti componenti della famiglia Cazalet, che a turno vanno da lui in cerca di consiglio. La sua calma, il suo approccio pratico e gentile verso i problemi di tutti

Infine la grande protagonista di questo capitolo è ancora indubbiamente la guerra, quella guerra che da situazione temporanea si era trasformata in quotidianità, in incombenza da sbrigare, eventualità da calcolare,che si era insinuata ormai così bene nelle pieghe della vita di tutti i giorni da creare dei presenti, delle aspettative destinate ad essere spazzate via con la pace, vista quasi con timore, perchè foriera di altri squilibri e nuovi interrogativi. Tutti i personaggi grazie alla guerra subiscono dei repentini cambiamenti che cambiano le loro prospettive sul futuro, accettano lavori che mai avrebbero considerato, sposano persone non degne del loro rango o che mai avrebbero accettato in tempo di pace, si creano nuove opportunità lavorative destinate a essere messe in discussione con la fine della guerra. La confusione del titolo è proprio quella generata dalla prospettiva della fine conflitto e da quello che inevitabilmente implicherà per ciascun membro della famiglia. La fine stessa della guerra, così tanto attesa da tutti nei primi mesi, è narrata di straforo, quasi per caso, annunciata mentre tutti sono impegnati in altre attività che non interrompono per la festeggiare quella notizia così tanto sospirata e improvvisamente temuta. Ancora una volta la grandezza della scrittrice sta proprio nel portare in primo piano i moti dell'animo e saperli così bene declinare e intrecciare con le vicende storiche. Sono personaggi che impariamo ad amare follemente quelli della saga dei Cazalet, diventano così tanto vicini a noi che quasi ci pare di conoscerli. Elizabeth Howard conserva in questo volume quello che più fa amare la sua scrittura: la conoscenza dell'animo umano e delle sue pieghe più inaspettate.

Titolo: Confusione
Autore: Elizabeth Jane Howard
Traduttore: Manuela Francescon
Editore: Fazi editore
Pagine: 528 pagg 
Prezzo: 18,50 euro
Prezzo ebook: 12,99 euro




Commenti

Post popolari in questo blog

Consigli di lettura leggeri per valigie pesanti

Finalmente ci siamo: fatta la valigia, svuotato il frigo, crema solare comprata e libri scelti!
Quest'anno non sono stata molto presente, il 2017 è stato un anno pieno di cose e di scelte difficili, ma finalmente è arrivato il momento di tirare il fiato. Anche per me. 
Prima di lasciarvi ai vostri meritatissimi giorni di svacco e svago, vi lascio qualche consiglio per gli acquisti libreschi last minute (se vi è rimasto un po' di tempo tra le nuove puntate di Game of Thrones e l'acquisto della crema solare dell'ultimo minuto). 
Il primo libro che vi consiglio è un albo illustrato:Il giardino delle meraviglie di Lucia Scuderi, edito Donzelli. Donzelli è una casa editrice che sto scoprendo piano piano. Hanno una sezione molto bella dedicata alle biografie, ma il catalogo è assolutamente vario e comprende un po' di tutto. Il giardino delle meraviglie è una camminata in un giardino fiorito alla scoperta delle piante di uso comune dal limone al gelsomino, dall'agave…

Shocking Life di Elsa Schiaparelli

Elsa non era una bambina come tutte le altre. Già dalla nascita la sua vita si preannunciava straordinaria: il giorno in cui venne al mondo, il suo arrivo fu annunciato da una grande esplosione, quella della polveriera di Vigna Pia. Elsa non era bella, non era dolce e carina, era una bambina vivace, a tratti pestifera ma sicuramente originale. Ribelle fin dalla tenera età, per abbellire il suo visto si pianta semi di fiori in bocca e nelle orecchie, sperando di far sbocciare sulla sua pelle nasturzi e margherite (non vi viene in mente una nota pubblicità di un profumo?) e abbellire il suo visetto. Elsa Schiaparelli, o Schiap come talvolta si appella nei tratti della sua biografia in cui parla dei suoi successi, nasce primogenita in una famiglia benestante a Palazzo Corsini. I suoi primi anni di vita sono segnati da un andirivieni piuttosto pittoresco di tate (tedescone con il vizio del goccetto o vatusse che paiono streghe) fino all'educazione a scuola, collegi da cui puntualment…

I magici albi da colorare di Johanna Basford e Daria Song

Contrariamente a quello che si potrebbe pensare colorare non è una questione da bambini. La psicologia concorda nell'affermare il potere terapeutico dell'attività ludica consistente nel riempire di colore uno spazio definito e concluso, a questo inoltre si aggiunge il potere taumaturgico che i colori effettuano sul cervello. Il rosso attiva l'attenzione, il verde rilassa e il blu induce alla riflessione. Fin dai tempi antichi gli uomini realizzavano disegni complicati e colorati a cui attribuivano un significato come per esempio i mandala; di origine indiana, questi disegni intricati avevano forme complesse, erano colorati nei minimi dettagli e possedevano significati precisi. 
Riscoperto il potere antistress del colorare, si è diffusa la moda degli albi illustrati: quindi sotto con matite, pastelli e pennarelli!  L'offerta editoriale di albi da colorare sta diventando sempre più ricca qui in Italia; importata dal Nord Europa,  Francia e Inghilterra, dove hanno venduto un…