Passa ai contenuti principali

Julian Fellows e il suo romanzo a puntate: Belgravia

Chi, quando ha visto i titoli di coda dell'ultima puntata di Downton Abbey ha avuto la sensazione di perdere un gruppo di amici sarà contentissimo di scoprire che può conoscerne di nuovi e molto simili nel romanzo di Belgravia pubblicato in Italia da Neri Pozza. 

Belgravia in pillole

Il romanzo si apre a pochi giorni dalla battaglia di Waterloo, sul famigerato ballo della duchessa di Richmond. A questo ballo partecipano tra le altre due famiglie estremamente diverse tra loro, i Brokenhurts, dell'alta società londinese e nobile lignaggio, e i Trenchard, commercianti in rapida ascesa nei salotti londinesi e appartenente alla tanto odiata categoria dei nuovi ricchi.
A legare queste due famiglie quanto mai lontane è un bambino, Charles Pope, figlio di Sophia Trenchard e Edmund Brockenhurst. I due govani, sposatisi in gran segreto si separano alla vigilia della battaglia proprio quando Sophia scopre di essere incinta. Nessuno dei due sopravviverà allo scontro finale don Napoleone, Edmund moirà in guerra e Sophia di parto. Per brutto scherzo del destino, il giorno del ballo, Sophia si convince di essere stata ingannata da Edmund e che il matrimonio contratto sia in realtà una farsa per sedurre la ragazza. Per evitare lo scandalo, i coniugi Trenchard, Anna e James, portano la ragazza in campagna e la convincono a dare il bambino al curato del posto che lo cresce come figlio suo, senza mai metterlo a parte dei suoi nobili natali.Ma ovviamente per qualcuno della famiglias arà troppo difficile stare lontano senza sapere cosa combina il nipote...

Considerazioni sparse sulla trama

Ordunque eccoci di nuovo alle prese con crinoline e corsetti, inviti a balli e ricevimenti. Per chi  ha amato Downton Abbey è un po' come tornare a casa, anche se il romanzo si ambienta parecchio tempo prima di Lady Mary e tutta la famiglia Grahantam, siamo infatti in epoca Vittoriana.

Che dire quindi di quest'ultima fatica letteraria dello sceneggiatore più amato di tutto l'impero britannico?

Distribuito in Italia in piccole dosi come un prezioso rosolio, il romanzo di Fellowes è uscito a puntate e pubblicato interamente in forma cartacea solo alla fine. Dal punto di vista della storia il libro risente di certi passaggi un po' lenti, ma complessivamente è un romanzo che restituisce il gusto di un'epoca, il sapore di un certo periodo storico senza trascurare l'attenzione per i personaggi. Ritornano anche le dinamiche up stairs - down stairs, gli intrighi tra servi e padroni. Siamo in un periodo storico dove la nobiltà non guarda di buon occhio la nuova aristocrazia, dove sono ancora in vigore rigide etichette e i matrimoni potevano avvenire solo tra persone dello stesso rango. L'autore gioca con tutti questi elementi per la ricetta del romanzo in costume perfetto per un risultato che funziona, coinvolge, prende.
Quando inizi un romanzo di Fellowes sai già per certo che ci sarà una cosa, a prescindere dalla trama: l'esistenza di un fato giusto che ripara i torti e dà una seconda possibilità. Nell'universo immaginario di questo straordinario scrittore inglese tutti i personaggi hanno un'indole che immancabilmente segnerà il loro destino, con buona pace di tutti e un'equa giustizia arriverà a risanare i debiti, riparare i torti e infliggere i giusti castighi. Anche coloro i quali camminano lungo il bordo di una morale dubbia, trovano pace e la possibilità di salvarsi e rientrare nei ranghi. In un certo senso è un romanzo rassicurante
Una cosa così british che ti viene voglia di appendere un ritratto della regina Elisabetta in camera da letto!

Jullian Fellowes è una piacevole certezza, una via rapida verso un altro mondo. Una lettura necessaria.

Titolo: Belgravia
Autore: Julian Fellowes
Traduttore: Simona Fefè
Editore: Neri Pozza 
Pagine: 415 pp
Prezzo: 18,00 euro
Prezzo ebook: 12,99 euro
Collana: I Narratori delle Tavola

Commenti

Post popolari in questo blog

Shocking Life di Elsa Schiaparelli

Elsa non era una bambina come tutte le altre. Già dalla nascita la sua vita si preannunciava straordinaria: il giorno in cui venne al mondo, il suo arrivo fu annunciato da una grande esplosione, quella della polveriera di Vigna Pia. Elsa non era bella, non era dolce e carina, era una bambina vivace, a tratti pestifera ma sicuramente originale. Ribelle fin dalla tenera età, per abbellire il suo visto si pianta semi di fiori in bocca e nelle orecchie, sperando di far sbocciare sulla sua pelle nasturzi e margherite (non vi viene in mente una nota pubblicità di un profumo?) e abbellire il suo visetto. Elsa Schiaparelli, o Schiap come talvolta si appella nei tratti della sua biografia in cui parla dei suoi successi, nasce primogenita in una famiglia benestante a Palazzo Corsini. I suoi primi anni di vita sono segnati da un andirivieni piuttosto pittoresco di tate (tedescone con il vizio del goccetto o vatusse che paiono streghe) fino all'educazione a scuola, collegi da cui puntualment…

I magici albi da colorare di Johanna Basford e Daria Song

Contrariamente a quello che si potrebbe pensare colorare non è una questione da bambini. La psicologia concorda nell'affermare il potere terapeutico dell'attività ludica consistente nel riempire di colore uno spazio definito e concluso, a questo inoltre si aggiunge il potere taumaturgico che i colori effettuano sul cervello. Il rosso attiva l'attenzione, il verde rilassa e il blu induce alla riflessione. Fin dai tempi antichi gli uomini realizzavano disegni complicati e colorati a cui attribuivano un significato come per esempio i mandala; di origine indiana, questi disegni intricati avevano forme complesse, erano colorati nei minimi dettagli e possedevano significati precisi. 
Riscoperto il potere antistress del colorare, si è diffusa la moda degli albi illustrati: quindi sotto con matite, pastelli e pennarelli!  L'offerta editoriale di albi da colorare sta diventando sempre più ricca qui in Italia; importata dal Nord Europa,  Francia e Inghilterra, dove hanno venduto un…

Consigli di lettura leggeri per valigie pesanti

Finalmente ci siamo: fatta la valigia, svuotato il frigo, crema solare comprata e libri scelti!
Quest'anno non sono stata molto presente, il 2017 è stato un anno pieno di cose e di scelte difficili, ma finalmente è arrivato il momento di tirare il fiato. Anche per me. 
Prima di lasciarvi ai vostri meritatissimi giorni di svacco e svago, vi lascio qualche consiglio per gli acquisti libreschi last minute (se vi è rimasto un po' di tempo tra le nuove puntate di Game of Thrones e l'acquisto della crema solare dell'ultimo minuto). 
Il primo libro che vi consiglio è un albo illustrato:Il giardino delle meraviglie di Lucia Scuderi, edito Donzelli. Donzelli è una casa editrice che sto scoprendo piano piano. Hanno una sezione molto bella dedicata alle biografie, ma il catalogo è assolutamente vario e comprende un po' di tutto. Il giardino delle meraviglie è una camminata in un giardino fiorito alla scoperta delle piante di uso comune dal limone al gelsomino, dall'agave…