Passa ai contenuti principali

I magici albi da colorare di Johanna Basford e Daria Song

Contrariamente a quello che si potrebbe pensare colorare non è una questione da bambini.
La psicologia concorda nell'affermare il potere terapeutico dell'attività ludica consistente nel riempire di colore uno spazio definito e concluso, a questo inoltre si aggiunge il potere taumaturgico che i colori effettuano sul cervello. Il rosso attiva l'attenzione, il verde rilassa e il blu induce alla riflessione. Fin dai tempi antichi gli uomini realizzavano disegni complicati e colorati a cui attribuivano un significato come per esempio i mandala; di origine indiana, questi disegni intricati avevano forme complesse, erano colorati nei minimi dettagli e possedevano significati precisi. 

Riscoperto il potere antistress del colorare, si è diffusa la moda degli albi illustrati: quindi sotto con matite, pastelli e pennarelli! 
L'offerta editoriale di albi da colorare sta diventando sempre più ricca qui in Italia; importata dal Nord Europa,  Francia e Inghilterra, dove hanno venduto un milione di copie, l'editoria nostrana ha accolto con favore gli albi illustrati che hanno trovato un mercato in espansione e curioso che ha prodotto una serie di blog e forum dedicati.

Tra i primi a portare in Italia gli albi per adulti, Gallucci editore offre al lettore i bellissimi albi di Johanna Basford e Daria Song
Johanna Basford si è laureata al Duncun Jordanstone College of Art and Design di Dundee in Scozia e ha collaborato come grafica industriale con grandi marchi come Hermès e Starbucks, Sony e H&M, ma i suoi albi nascono da una serie di disegni - wallpaper per desktop in download gratuito. Considerato il successo delle immagini, una casa editrice inglese le chiese di realizzare un libro che raccogliesse le sue fatiche. L'incanto, la magia, uno stile art-nouveau realizzato attraverso tecniche come la china e il disegno a matita rendono gli albi della Basford davvero magici. La foresta incantata e Il giardino segreto sono porte per altri mondi fatti di delicati disegni a matita. Il bianco e nero sono volutamente scelti per lasciare al lettore la libertà di stimolare la propria fantasia e terminare il lavoro dell'autrice. 
I disegni delle sue inky-adventure sono ricchi di minuziosi dettagli da scoprire: all'interno del fogliame de Il giardino segreto o negli intricati sentieri de La foresta incantata sono nascosti piccoli particolari che il lettore deve scovare prima della fine del libro. Lo stile del disegno ricorda quello degli antichi manuali di botanica, che l'autrice racconta di aver ereditato dal nonno. I tratti di quei disegni si ritrovano nel fogliame, nei fiori e negli animali ritratti nei suoi disegni.


Autore: Johanna Basford
Editore: Gallucci editore
Pagine: 92
Prezzo: 16, 50 euro

Autore: Johanna Basford


Editore: Gallucci editore
Pagine: 96
Prezzo: 16, 50 euro









Gli albi di Daria Song sempre editi Gallucci ripropongono la stessa idea di base e gli stessi ambienti magici e vintage ma si articolano in sequenze narrative attraverso disegni che prevedono la partecipazione attiva del lettore non solo con la colorazione ma anche attraverso il completamento dei disegni. Le storie hanno per protagonista una bambina e la sua scoperta di luoghi magici fuori dal tempo dove compie avventure e incontra personaggi fantastici.  

Autore: Daria Song
Editore: Gallucci
Pagine: 80 
Prezzo: 12,90 euro










Autore: Daria Song
Editore: Gallucci
Pagine: 80 
Prezzo: 12,90 euro







Ritornano atmosfere art-nouvea e ricorrono immagini di ingranaggi, orologi, specchi, chiavi e case dall'aspetto vittoriano. Laddove negli albi di Johanna Basford il tema principale è quello della natura, qui predominano gli interni e l'aspetto magico degli oggetti. Stelle, cristalli, scale e tende magiche che nascondono orologi antichi e mondi lontani. Le immagini sono accompagnate da brevi testi che narrano lo svolgersi della storia. 

Una vera e propria iniezione di magica fantasia. 



Commenti

Post popolari in questo blog

Cibo e famiglia nelle estati di Simonetta Agnello Hornby: Un filo d'olio

L'espressione "un filo d'olio" è un'espressione familiare, del gergo quotidiano. Quante volte l'abbiamo sentita a tavola con la famiglia, tra amici. Ed è proprio il senso di familiare, di intimo la caratura di questo romanzo che è un po' un autobiografia e un po' un album dei ricordi. Il libro è la storia della sua famiglia, il racconto delle estati dell'infanzia della scrittrice quando la famiglia, dalla casa di Palermo si trasferiva in campagna con il personale di servizio, cuoche e cameriere, e apriva la casa a parenti e amici in visita. La tenuta di Mosè dei genitori di Simonetta è un po' la casa dove tutti abbiamo trascorso le vacanze da bambini. I ritmi lenti dell'estate calda siciliana scanditi da abitudini, riturali familiari, sono quelli che ritroviamo anche nei nostri ricordi, fissati nella nostra memoria da un'odore, un colore, una sensazione. Profumi e sensazioni che per la scrittrice sono legate alla cucina, fil rouge lung…

Shocking Life di Elsa Schiaparelli

Elsa non era una bambina come tutte le altre. Già dalla nascita la sua vita si preannunciava straordinaria: il giorno in cui venne al mondo, il suo arrivo fu annunciato da una grande esplosione, quella della polveriera di Vigna Pia. Elsa non era bella, non era dolce e carina, era una bambina vivace, a tratti pestifera ma sicuramente originale. Ribelle fin dalla tenera età, per abbellire il suo visto si pianta semi di fiori in bocca e nelle orecchie, sperando di far sbocciare sulla sua pelle nasturzi e margherite (non vi viene in mente una nota pubblicità di un profumo?) e abbellire il suo visetto. Elsa Schiaparelli, o Schiap come talvolta si appella nei tratti della sua biografia in cui parla dei suoi successi, nasce primogenita in una famiglia benestante a Palazzo Corsini. I suoi primi anni di vita sono segnati da un andirivieni piuttosto pittoresco di tate (tedescone con il vizio del goccetto o vatusse che paiono streghe) fino all'educazione a scuola, collegi da cui puntualment…

Fiabe antiche e nuove

Al giorno d'oggi le fiabe stanno recuperando terreno agli occhi degli studiosi e dei lettori che vi si avvicinano per l'enorme fascino che queste antiche storie possiedono. Personalmente sono particolarmente affezionata alle fiabe, non solo perchè, come tutti, hanno accompagnato buona parte della mia infanzia, ma perchè sono un enorme giacimento di insegnamenti. Principi e principesse, animali parlanti,  streghe, gnomi, elfi, folletti e fate sono i protagonisti di storie che vengono al mondo come grandi metafore dei passaggi della vita. Consolano, intrattengono, spaventano e fanno ridere. Non ci si stanca mai di sentirle, perchè sotto sotto ci auguriamo tutti di incontrare un pizzico di magia nella vita di tutti i giorni.


Il mio pizzico di magia l'ho incontrato in due libri molto speciali.

Favole per bambini molto stanchi di Dente è una raccolta di pillole salaci, divertenti, matte, tenere. Un notiziario di belle storie non più lunghe di qualche riga. Come ogni favola che s…