Passa ai contenuti principali

La saga dei Cazalet. Gli anni della leggerezza di Elizabeth Jane Howard


Io adoro le saghe familiari. Mi piacciono davvero tanto. Mi piace soprattutto il lento e particolareggiato affresco che si compone sul mondo della famiglia, quindi sui suoi componenti e sulle sue abitudini che piano piano si svelano sotto gli occhi del lettore mentre il narratore racconta. Quando penso a questo genere di libri, le saghe familiari, mi vengono sempre in mente quelle trecce che si usano per il rammendo. Una matassa intricata di fili colorati intrecciati a comporre un disegno o una sequenza, dove ciascuno di questi fili corrisponde a un'esistenza, una storia da cui ne dipartono o se ne intrecciano delle altre. Ecco i romanzi sulle saghe familiari sono proprio così. E Gli anni della leggerezza, il primo dei cinque romanzi dedicati alla famiglia Cazalet, non fa eccezione.



La storia di apre durante l'estate del 1937 quando ombre oscure e minacce di un nuovo conflitto mondiale si allungano sulle vite e le abitudini di questa nobile famiglia costituita dalla Duchessa, dal Generale - secondo i simpatici nomignoli che sono stati dati a William e consorte- e dai loro tre figli, Edward, Hugh e Rupert con le loro rispettive mogli - Villy, Sybil e Zoe - e da una figlia, Rachel. A questo nucleo originario si aggiundono la servitù e la famiglia di Jessica, sorella di Villy.

Il lento scorrere dei giorni presso la tenuta di campagna dove si è raccolto l'intero gruppo familiare è scandito da riti come il tè pomeridiano, le gite al mare e le cene funge sfondo alle vite, palesate e segrete, dei componenti della famiglia, laddove la penna dell'autrice indaga con ironia e delicatezza su bisogni, sogni e segreti dei personaggi: Edward, le sue amanti e; Villy che dopo aver rinunciato a una promettente carriera da ballerina ora deve fare in conti con la noia; Sybil e Hugh, che pur amandosi non riescono a capirsi; Rupert che ha sposato la giovane Zoe che si scopre essere una donna immaura e un po' frivola. E poi la schiera di pargoli Cazalet: la dolcissima Polly, la coraggiosa Clary, Neville, Louise e Simon, Teddy e i cugini Christopher, Nora, Angela, figli di Jessica. 


Nell'affastellarsi delle vicende che vedono protagonisti l'intera casata, si dipinge un mondo al limite della sua scomparsa, un attimo prima che le nuove minacce belliche sconvolgano il ritrovato equilibrio e rimescolino le carte della scala sociale. Non a caso il titolo di questo primo romanzo è Gli anni della leggerezza, proprio a indicare quell'attimo prima che tutto scompaia. La penna della
Howard racconta tutte le infinite sfumature caratteriali dei suoi personaggi, così reali e vividi, che si ipotizza siano ispirati alla famiglia dell'autrice stessa. Questo romanzo è in definitiva una fotografia estremamente nitida di un momento storico e di una classe sociale incarnata dai Cazalet, con le sue ipocrisie e le sue verità.




Autore: Elizabeth Jane Howard 
Titolo: Gli anni della leggerezza 
Editore: Fazi editore 
Pagine: 606 
Prezzo: 18,50 euro 
Collana: Le strade

Commenti

  1. Molto interessante. Anche io amo particolarmente le saghe familiari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un libro molto bello, consigliatissimo!! :)

      Elimina
  2. Ho appena finito di leggerlo, guarda caso:) Mi è piaciuto, ma l'ho trovato più che altro un romanzo introduttivo. Il che non è un difetto, ma solo una constatazione: credo che il bello verrà con i prossimi romanzi, per questo sono piuttosto curiosa di leggere Il tempo dell'attesa. Comunque, ho amato moltissimo i personaggi di Clary e Lydia (che tenerezza*-*), mentre ho trovato decisamente agghiacciante la parte relativa a Louise e suo padre, in particolare dal momento che la storia di Lou sembra ricalcare quella della Howard.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Consigli di lettura leggeri per valigie pesanti

Finalmente ci siamo: fatta la valigia, svuotato il frigo, crema solare comprata e libri scelti!
Quest'anno non sono stata molto presente, il 2017 è stato un anno pieno di cose e di scelte difficili, ma finalmente è arrivato il momento di tirare il fiato. Anche per me. 
Prima di lasciarvi ai vostri meritatissimi giorni di svacco e svago, vi lascio qualche consiglio per gli acquisti libreschi last minute (se vi è rimasto un po' di tempo tra le nuove puntate di Game of Thrones e l'acquisto della crema solare dell'ultimo minuto). 
Il primo libro che vi consiglio è un albo illustrato:Il giardino delle meraviglie di Lucia Scuderi, edito Donzelli. Donzelli è una casa editrice che sto scoprendo piano piano. Hanno una sezione molto bella dedicata alle biografie, ma il catalogo è assolutamente vario e comprende un po' di tutto. Il giardino delle meraviglie è una camminata in un giardino fiorito alla scoperta delle piante di uso comune dal limone al gelsomino, dall'agave…

Cibo e famiglia nelle estati di Simonetta Agnello Hornby: Un filo d'olio

L'espressione "un filo d'olio" è un'espressione familiare, del gergo quotidiano. Quante volte l'abbiamo sentita a tavola con la famiglia, tra amici. Ed è proprio il senso di familiare, di intimo la caratura di questo romanzo che è un po' un autobiografia e un po' un album dei ricordi. Il libro è la storia della sua famiglia, il racconto delle estati dell'infanzia della scrittrice quando la famiglia, dalla casa di Palermo si trasferiva in campagna con il personale di servizio, cuoche e cameriere, e apriva la casa a parenti e amici in visita. La tenuta di Mosè dei genitori di Simonetta è un po' la casa dove tutti abbiamo trascorso le vacanze da bambini. I ritmi lenti dell'estate calda siciliana scanditi da abitudini, riturali familiari, sono quelli che ritroviamo anche nei nostri ricordi, fissati nella nostra memoria da un'odore, un colore, una sensazione. Profumi e sensazioni che per la scrittrice sono legate alla cucina, fil rouge lung…

Shocking Life di Elsa Schiaparelli

Elsa non era una bambina come tutte le altre. Già dalla nascita la sua vita si preannunciava straordinaria: il giorno in cui venne al mondo, il suo arrivo fu annunciato da una grande esplosione, quella della polveriera di Vigna Pia. Elsa non era bella, non era dolce e carina, era una bambina vivace, a tratti pestifera ma sicuramente originale. Ribelle fin dalla tenera età, per abbellire il suo visto si pianta semi di fiori in bocca e nelle orecchie, sperando di far sbocciare sulla sua pelle nasturzi e margherite (non vi viene in mente una nota pubblicità di un profumo?) e abbellire il suo visetto. Elsa Schiaparelli, o Schiap come talvolta si appella nei tratti della sua biografia in cui parla dei suoi successi, nasce primogenita in una famiglia benestante a Palazzo Corsini. I suoi primi anni di vita sono segnati da un andirivieni piuttosto pittoresco di tate (tedescone con il vizio del goccetto o vatusse che paiono streghe) fino all'educazione a scuola, collegi da cui puntualment…